Edilizia e medicina: si può?

Il patrimonio edilizio italiano è per gran parte obsoleto decadente, spesso non conforme alle normative antisismiche, acustiche e sull’efficienza energetica. Questi fabbricati, in determinate circostanze, possono provocare malattie più o meno gravi.

La nostra attività è attenta a progettare e realizzare interventi in grado di restituire benessere indoor, qualità dell’aria interna e in generale alla creazione di spazi rigenerativi dove poter vivere in armonia senza che lo stesso edificio diventi la causa di possibili malattie più o meno gravi.


L’Organizzazione Mondiale della Sanità a livello mondiale e l’ISPRA a livello nazionale hanno più volte, a partire da inizio 2000, sollevato la problematica della Sindrome dell'edificio malato (Sick building syndrome - SBS).





La SBS indica un quadro sintomatologico ben definito, che si manifesta in un elevato numero di occupanti di edifici non adeguatamente progettati, realizzati o mantenuti dove sono costantemente esposti a sostanze inquinanti (agenti chimici, fisici e biologici).


Se sei arrivato a leggere fino qui, ti diamo due opportunità esclusive per garantire qualità


1) LA CERTIFICAZIONE DI SALUBRITA’ AMBIENTALE @BIOSAFE


Logo ufficiale certificazione di salubrità ambientale “Biosafe”


Si tratta di una procedura di certificazione volontaria che si dedica all’innalzamento della qualità e della salubrità degli ambienti interni. È importante come principio di prevenzione e di tutela della salute.









2) IL SUPERBONUS 110%


Logo ufficiale “Superbonus 110%” – Ministero dello Sviluppo Economico


ll plurinominato “Superbonus 110%” - introdotto dal Decreto Rilancio - può consentire finalmente di intervenire in modo ampio sul patrimonio edilizio italiano con notevoli vantaggi economici, in termini di:

  • investimento sulla tua casa
  • incremento del comfort indoor
  • minor rischio di malattie migliorandone la salubrità dell’aria (e la tua salute!)
  • diminuzione dei costi di riscaldamento
  • riduzione dei costi di gestione
  • minori possibilità di criticità costruttive (se l’intervento è progettato e realizzato in qualità!)